Adulterio nella casa familiare? È reato di maltrattamenti

Cassazione penale, sez. III, sentenza 3 aprile 2017 n. 16543

Intrattenere una relazione extraconiugale nell’abitazione familiare ed imporne l’accettazione alla moglie mediante minaccia integra il reato di maltrattamenti.

Gli atti di infedeltà, isolatamente considerati, sarebbero pure non punibili (atti di infedeltà, di umiliazione generica, etc.); ovvero non perseguibili (percosse o minacce lievi, procedibili solo a querela). Ma in modo reiterato, hanno procurato nella vittima durevoli sofferenze fisiche e morali e rientrano, quindi, nel reato di maltrattamenti.

By |2017-05-18T15:40:40+02:0017 Maggio, 2017|Cassazione, Diritto di famiglia, Famiglie, Reato|0 Comments