La Cassazione con la sentenza n. 2770/2017 ha stabilito che il minore vada collocato presso il padre se, ascoltato dal giudice o dall’esperto designato, ha espresso il desiderio di stare con tale genitore in quanto riceve maggiori attenzioni.

La volontà del minore va assecondata in quanto a dover essere tutelati sono il primario interesse del minore, il suo equilibrio e la sua serenità.

La Suprema Corte ha riconosciuto come elemento di primaria importanza nella valutazione dell’interesse del minore che lo stesso,  nei procedimenti che lo riguardano, se dodicenne o di età inferiore ma capace di discernimento, venga ascoltato dai Giudice.

Detta circostanza rappresenta una delle modalità più rilevanti di riconoscimento del diritto fondamentale del minore ad essere informato e ad esprimere le proprie opinioni.