In tema di circolazione di veicoli, nel caso di sinistro, la compilazione del modulo di constatazione amichevole è utile per raccogliere i dati dei veicoli e soggetti coinvolti.

Può capitare che il conducente responsabile riconosce apertamente la propria responsabilità, ritenendo di essere in torto.

Il conducente responsabile è però assicurato con una Compagnia di Assicurazioni che verrà chiamata a manlevarlo dei danni.

Il punto è che la dichiarazione resa dal conducente assicurato non costituisce piena prova anche nei confronti della Compagnia di Assicurazioni ma prova liberamente apprezzabile dal Giudice.

Infatti, potrebbe prefigurarsi una situazione per la quale il conducente ritiene di essere in torto senza necessariamente esserlo; ovvero potrebbe essere responsabile solo in parte ed in concorso con con altri.

La stessa confessione in sede giudiziale del (presunto) responsabile non è piena prova ma rimane di libero apprezzamento da parte del Giudice, ex art. 2733 cc, non potendo vincolare anche l’Assicurazione parte necessaria del Giudizio.